Thursday, May 18, 2006

JONI & FRIENDS ITALIA NEWS-LETTER APRILE/06

Paralimpiadi

Dal 9 al 16 marzo si è tenuta a Torino la campagna evangelistica organizzata da Joni and Friends Italia e OM Italia sotto l'isegna di "Più dell'oro".
Possiamo davvero dire che tutti coloro che hanno partecipato, chi più, chi meno, è stato benedetto dall'esperienza che si è "trovato" a vivere.
Il ruolo del gruppo era quello di appostarsi nei pressi dei siti olimpici, o nel centro della città, distribuendo letteratura cristiana, con lo scopo di avere conversazioni per poter testimoniare del Vangelo.
Alternato alle uscite sul campo c'è stato l'insegnamento sull'evangelizzazione delle persone disabili e delle loro famiglie, tenuto da Jonathan McRostie, Alessia Abortivi e Renzo Zorzi che ha anche tenuto un concerto aperto al pubblico.
Quello che ha colpito di più è stato scoprire quante siano le persone disabili al mondo e in particolare nella nostra società e realizzare che la propria "abilità" è solo una questione di tempo e di grazia!
Speriamo solo che questa iniziativa non si fermi qui, e non si aspettino le prossime Parolimpiadi per ripeterla!
Che il Signore benedica tutti i semi che sono stati seminati per la Sua gloria!

Ecco alcune delle testimonianze raccolte fra i partecipanti...
Per me personalmente è stato un periodo di crescita spirituale. Quello che mi ha colpito di più è stata alla cerimonia di apertura vedere un uomo seduto sulla sua sedia a rotelle spinto da un cieco, o una persona con le stampelle accompagnare un cieco.
Se rifletto su questa cosa, vedo che il Signore ha portato Jonathan (McRostie) nella mia vita, non perché io potessi aiutarlo, forse anche per questo, ma principalmente perché proprio attraverso di lui Dio mi facesse vedere le cose spirituali, perché, sebbene io possa vedere coi miei occhi le cose reali e concrete che mi circondano, a volte sono proprio cieco per le cose spirituali.

Come prima esperienza in una campagna così internazionale non posso che essere contento… comunque credo di essere stato di benedizione e questa campagna è stata di benedizione per me! Per quello che riguarda l'insegnamento, terrò per me i frutti e li investirò per il futuro. Suggerimenti??? Continuate così!

Questa è stata la mia prima campagna all'estero ed è stata un'esperienza bellissima.

Penso sia cambiato il mio modo di vedere le persone affette da disabilità!

Campagna bellissima. Accoglienza buonissima. Grazie per le traduzioni! Grazie al Signore perché ho anche potuto capire qualche parola d'italiano! L'insegnamento riguardo ai disabili è stato bellissimo! Anche se sono già coinvolta a livello professionale in questo settore, qui ho potuto imparare tantissimo. Sono stata felicissima di trascorrere questo periodo con tutti voi!

ALBANIA

Ci siamo! Dal 14 al 18 giugno un team di Joni and Friends Italia andrà in Albania per portare aiuto, conforto, consulenza ed un carico di una settantina di sedie a rotelle revisionate.
Il materiale andrà al centro per ragazzi disabili di Marikaj gestito dalla sorella Gesina.
Siamo felici che diverse persone abbiano già confermato la loro partecipazione al viaggio rendendo il gruppo piuttosto numeroso.
Un grazie ad Ambrogio di Monza che ha riparato molte delle sedie, a Giuseppe di Torino e alla chiesa di Rivalta Bormida che ci ha dato il permesso di immagazzinarle. Un grazie anche al fratello che abita in Toscana il quale ci ha regalato diverse sedie a rotelle nuove e al fratello infermiere che ha raccolto 25 letti ospedalieri per la spedizione.
Avremmo voluto portare di più... ma questo è quello che siamo riusciti a fare senza un’officina e senza un magazzino stabile. Speriamo che il Signore ci apra in futuro le porte anche in questo senso.
Potete ancora aiutare per questo progetto con un offerta che copra le spese di spedizione della merce. Questo è sempre il costo più alto di ogni spedizione che facciamo all’estero. Grazie!!!


Regalo Speciale a…

Anche quest'anno nel periodo delle festività di Natale e Capodanno i nostri fedeli collaboratori hanno consegnato il “regalo speciale” ai degenti di diversi ospedali, case di cura e centri di riabilitazione in alcune zone d'Italia. I nostri volontari hanno preparato circa 1.000 pacchettini contenenti un calendario cristiano a blocco, opuscoli “La storia di Joni”, un Vangelo e dei dolci (biscotti o pandorini o cioccolatini). Lo scopo non è solo quello di consegnare il regalo, ma soprattutto quello di offrire alle persone disabili incoraggiamento e speranza.

A FONDI (Latina)
Françoise, che lavora in un Centro per ragazzi disabili, ha avuto la gioia per il terzo anno consecutivo, di consegnare, insieme al fratello Daniel, a domicilio delle famiglie dei ragazzi il “Regalo Speciale”. Oltre a ciò, essendo consapevoli della necessità dell'aiuto del Signore per ogni cosa, Françoise e Daniel hanno promosso nella loro chiesa un "affidamento spirituale": ogni credente ha ricevuto il nome di un ragazzo diversamente abile per il quale si è impegnato a pregare, portandolo al trono della Grazia insieme alla sua famiglia ogni giorno. Abbiamo fiducia che il Signore compirà la sua opera e intanto Lo ringraziamo tanto per il Suo incoraggiamento e sostegno.

A BOLOGNA
Come accade da alcuni anni Franco e il gruppo di volontari di Bologna si sono recati in diversi centri ospedalieri e non (sia a Bologna che fuori) per offrire alle persone diversamente abili, il consueto “regalo speciale” di Joni and Friends Italia. E' stata una gioia vedere l'espressione dei ragazzi di Montecatone (Centro di Riabilitazione vicino ad Imola) piena di gratitudine per aver ricevuto un omaggio in prossimità del Natale. Nessuno dei circa 200 ricoverati ha rifiutato il dono e, anche se sofferenti fisicamente, hanno offerto ai nostri volontari un sorriso di ringraziamento che li ha gratificati moltissimo. Questo non è accaduto solo a Montecatone ma anche all' Ospedale Bellaria dove sono stati donati circa 100 “regali speciali” distribuiti ai ricoverati e anche al personale infermieristico e medico. Infine grande entusiasmo dei ragazzi della palestra di Basket di Bologna, allenati dal Sig. Marco (preghiamo x la sua conversione al Signore!) che ha un cuore per questi 50 ragazzi disabili che frequentano l'attività ogni settimana. Altri “regali speciali” sono stati distribuiti ad una festa organizzata dal polo handicap adulti di Bologna S. Vitale. Preghiamo che il Signore operi grandemente nei cuori.

A TORINO
I nostri volontari hanno visitato quest'anno cinque Centri: RSA di Via Plava, di Via G. Dina, Residenza “Le Terrazze” e “Villa Primule” dove sono ospitati soprattutto anziani disabili; e poi per il settimo anno consecutivo si sono recati al Centro di Rieducazione Funzionale C.R.F., dove sono ospitati soprattutto giovani che hanno avuto gravi incidenti. In totale sono stati distribuiti a Torino 500 calendari.
Desideriamo incoraggiare i nostri lettori con la testimonianza di due nostri nuovi volontari di Torino, che per la prima volta hanno partecipato all'iniziativa:
“Ringraziamo il Signore per l'opportunità che ci ha dato di partecipare alla distribuzione del “regalo speciale” in due diverse occasioni: alla casa per anziani “Villa Primule” ed al Centro di Riabilitazione funzionale C.R.F. per persone disabili.
Siamo stati arricchiti e benedetti da questa esperienza. E' stato bello poter vedere il sorriso su quei volti sofferenti, sapendo quanto dolore c'è dietro ognuno di loro. Aver potuto dar loro una Parola di speranza, potendoli affidare al nostro Padre Celeste tramite la preghiera, ci ha portato a riflettere sull'importanza di fare qualcosa, anche apparentemente poco, ma di grande valore agli occhi di Dio. In Galati 6:9 c'è scritto: “Non ci scoraggiamo di fare il bene, perché se non ci stanchiamo mieteremo a suo tempo, così…finché ne abbiamo l'opportunità facciamo del bene a tutti….” Quale bene più grande di donare la Parola di Dio a coloro che sono nella sofferenza e disperazione!
Vogliamo incoraggiare altri credenti a dedicare un po' del loro tempo, approfittando di queste occasioni così preziose. C'è molto bisogno di figli di Dio sensibili, che siano disposti a fare qualcosa di pratico per il Signore in questo “campo di missione” dove c'è un gran bisogno di trasmettere il messaggio di amore e consolazione che solo Cristo può dare.
Vi salutiamo nell'amore del Signore”.
Gabriella e Bruno

Chi siamo… Ambrogio

Sono Colombo Ambrogio, un uomo di 61 anni, sposato con una figlia maritata, e sono nato e vivo tuttora a Monza. Ho svolto la mia professione lavorativa come elettricista dipendente e ora sono in pensione.
Sono cresciuto in una famiglia cattolica praticante (così pure mia moglie) e anch'io ho sempre praticato con regolarità questa religione fino a circa 20 anni fa. In quel periodo sul posto di lavoro il Signore ha messo vicino a me un vero cristiano, che parlandomi del piano di salvezza di Dio in Cristo Gesù mi ha liberato da tutte le incertezze che fino ad allora avevo avuto in me.
Ringrazio il Signore che mi ha dato di accostarmi alla Sua Parola fiducioso, facendo mia la Sua grazia, liberandomi così da tutti quei dubbi che mi impedivano di avere la certezza della salvezza dell'anima mia; così dopo un certo tempo ho dato la mia testimonianza di fede col battesimo. Mia moglie fino ad ora non mi ha seguito in questo nuovo cammino di fede.
Sei anni fa quando sono andato in pensione, ho messo nelle mani del Signore la mia nuova condizione, dicendoGli di essere pronto a mettere a Sua disposizione quelle possibilità e capacità che Lui mi ha donato per operare nella Sua messe. Dopo circa un anno leggendo la rivista “Il Cristiano” venni a conoscenza dell'associazione Joni and Friends Italia, la quale ricercava dei riparatori di carrozzine per disabili. Di fronte a quella richiesta detti subito la mia disponibilità e iniziò così la mia collaborazione nella raccolta di vario materiale ortopedico. Quest'inverno si è creata una circostanza che mi ha coinvolto anche nella riparazione e riordino di parecchie sedie a rotelle.
Il Signore mi ha dato la gioia anche di poter essere da Lui usato nel riordinare biciclette ed altro per un'altra associazione cristiana (C.E.P.I.), che si occupa poi di portarle in Romania, non trascurando di annunciare loro l'Evangelo della grazia, così come fa l'associazione Joni and Friends. Ritengo infatti fondamentale per noi credenti far sapere a coloro che ricevono questi doni che tutto ciò proviene dalla grazia del nostro Signore Iddio, affinché il Suo nome possa essere così glorificato. E ritengo anche che da parte nostra tutto questo adoperarsi debba essere fatto con impegno, serietà, cura, costanza…in una parola: con amore, perché solo così potremo rendere una buona testimonianza cristiana ed essere di buon esempio in questo mondo corrotto.
Ambrogio

BULGARIA

Da tempo non vi diamo notizie dalla Bulgaria...
L’orfanotrofio per bambini disabili di Dobromirtci, che da anni sosteniamo attraverso i missionari Jack ed Elsabe Louw è stato chiuso nello scorso mese di febbraio. Questa è in realtà un’ottima notizia.
Le condizioni di vita dei bambini e ragazzi in questo orfanotrofio erano disumane. In seguito a ripetuti maltrattamenti e gravissime mancanze da parte del personale (vi sono state recentemente morti “accidentali” per mancanza di sorveglianza) si è deciso a gennaio di fare una denuncia pubblica attraverso un articolo su un giornale locale.
Subito l’autorità competente si è interessata del caso e ha promesso la chiusura del centro e il trasferimento dei bambini come è poi avvenuto. Di questi 4 bambini sono stati reintegrati nelle proprie famiglie, 24 sono stati trasferiti in altri orfanotrofi in città dove sono presenti strutture sanitarie.
Il ministro dei servizi sociali ha commentato: “Purtroppo devo ammettere che avremmo dovuto farlo molto prima. Chiaramente le ispezioni delle Agenzie preposte erano in ritardo. Non ci sono scuse per giustificare la situazione di questo istituto. Per me è un caso che non si deve ripetere.”
Al momento sono presenti in Bulgaria altri orfanotrofi per bambini disabili che avranno senz’altro bisogno di sostegno. Contiamo di darvi sulla prossima lettera di notizie informazioni più dettagliate su come contiamo di continuare il sostegno ai bambini disabili in questo paese.
Il nostro Dio è anche e soprattutto il Dio degli orfani.


JONI AND FRIENDS ITALIA
Via Duino, 101
10127 TORINO
TEL/FAX: 011 619.06.06
E-mail: info@jafitalia.org
http://www.jafitalia.org/
Conto corrente postale
n. 12880100

No comments: